Aquaplaning: il ruolo degli pneumatici

  • Autore: OPONEO.IT

Il fenomeno dell’aquaplaning capita quando uno o più pneumatici perdono il contatto con il piano stradale, in seguito al loro sollevamento da parte del cuneo d’acqua imprigionato nella parte anteriore della gomma e sotto lo pneumatico stesso, al momento del passaggio del veicolo su un’area bagnata. L’aquaplaning si verifica il più delle volte nel corso di forti precipitazioni, quando sulle strade a scorrimento veloce e sulle autostrade si formano pozzanghere. Oltre agli schizzi ed allo spavento del guidatore, l’aquaplaning provoca il più delle volte uno strattone al volante ed un’ improvvisa svolta del veicolo in direzione della pozzanghera.

La velocità con cui lo pneumatico si stacca dal piano stradale è funzione della profondità dell’acqua, della velocità del veicolo, del suo peso, della larghezza delle gomme, della profondità del battistrada e della sua scolpitura. Dipende dalla quantità di acqua da eliminare, dalla pressione esercitata sugli pneumatici e dal rendimento della scolpitura del battistrada in relazione allo spostamento delle masse d’acqua. Più l’acqua sarà profonda, le velocità maggiori, il peso del veicolo inferiore, le gomme larghe, la profondità del battistrada minore e la scolpitura meno efficiente, minore sarà la velocità a cui lo pneumatico perderà l’aderenza al piano stradale. Allo stesso modo, dopo aver superato una certa velocità, tutte le gomme si staccheranno dalla superficie della strada.

In generale, la scolpitura del battistrada ha un’influenza sulla messa in sicurezza dall'aquaplaning ad alte velocità ed in presenza di acqua profonda. La mescola del battistrada influisce invece sulla trazione su superficie umida a velocità inferiore o in presenza di acqua poco profonda.

pneumatici-da-pioggia-uniroyal

Pneumatici Uniroyal Rainsport 2 con il caratteristico battistrada a forma di lettera V

Le scolpiture direzionali del battistrada (chiamate un tempo scolpiture monodirezionali del battistrada) sono spesso utilizzate negli pneumatici, per garantire una maggiore sicurezza nei confronti dell’aquaplaning. I numerosi intagli del battistrada sono collocati a ripetizione secondo un modello/forma a lettera V, in modo tale da aumentare la capacità dello pneumatico di spostare la massa d’acqua dal punto di contatto tra gomma e superficie stradale. Come le palette di una pompa idrica, che spingono continuamente l'acqua attraverso il motore in una data direzione, gli intagli dello pneumatico direzionale sono progettati in modo tale da consentire alla gomma di “spingere” l’acqua in un senso (in avanti - verso i lati). La scolpitura direzionale del battistrada è particolarmente utile al fine di garantire una maggiore sicurezza nei confronti dell’aquaplaning, qualora sull'auto siano stati montati pneumatici decisamente più larghi rispetto a quelli forniti nella dotazione originale.

Vedi la nostra offerta delle gomme:

Uniroyal RainExpert

Ti piace l'articolo?
Dacci un voto.

Grazie
Commenti
Re: Aquaplaning: il ruolo degli pneumatici
colorblind 26/02/2010 Rispondi

allora quali pneumatici scegliere per evitare l'acquaplanning.

Re: Aquaplaning: il ruolo degli pneumatici
rocco 02/03/2010 Rispondi

Mi pare che in questo momento tutti gli pneumatici siano abbastanza resistenti all'acquaplanning.

Re: Aquaplaning: il ruolo degli pneumatici
giovanni 03/03/2010 Rispondi

Secondo me tutto dipende dal disegno del battistrada e dalla sua profondità. Se lo pneumatico ha tante lamelle può darsi che sia più resistente all'acquaplaning.

Aggiungi un commento
(Attenzione: I commenti nel forum sono stati moderati.)

  1. Consegna gratuita
  2. Acquisto sicuro
  3. Disponibilità
    garantita
  4. Prodotti originali
  5. Autofficine
    convenzionate